Le attività e gli eventi del 2022

Nel corso dell'anno verrà costantemente aggiornato il diario che segue, riportando i particolari sulle attività svolte (corredate da fotografie) e apportando eventuali variazioni del programma. Le notizie relative ad altre attività associative e a variazioni sul seguente programma verranno diffuse attraverso il nostro sito, i quotidiani  “IL CENTRO”, "IL MESSAGGERO" e le emittenti locali: Radio Monte Velino, Telesirio, Antenna2 e i giornali multimediali.   Coloro che sono collegati ad internet saranno  informati  per via 
telematica, gli stessi avranno cura di diffondere le notizie fra gli associati di propria conoscenza. Altri associati saranno informati attraverso WhatsApp.  Nel corso dell'anno verrà costantemente aggiornato il diario che segue, riportando i particolari sulle attività svolte (corredate da fotografie) e apportando eventuali variazioni del programma.

Giovedì 13 gennaio 2022107° anniversario del terremoto di Avezzano:
Nell'arco della mattinata ha avuto luogo la commemorazione del 107° anniversario del terremoto che distrusse la città di Avezzano danneggiando anche altri centri marsicani e causando moltissimi decessi. La cerimonia si è svolta nell'area interessata dal Memorial, alle pendici del Monte Salviano. La solennità si è svolta con un numero limitato di partecipanti nel rispetto della distanza interpersonale e nella necessità di evitare assembramenti.
Erano presenti il Vicesindaco Ten. dott. Domenico Di Berardino, il Vicario Generale della Diocesi dei Marsi don Francesco Tudini, accompagnato dal parroco della "Madonna del Passo" don Vincenzo De Mario, il presidente del Consiglio Permanente delle Associazioni d'Arma e della Sezione UNUCI marsicana 1°Capitano Floriano Maddalena, il Viceprefetto della provincia di L'Aquila dott.ssa Franca Ferraro, il presidente dell'Associazione Arma Aeronautica e Segretario di Assoarma cav. Pietro Antonio Di Matteo, il Capo del Gruppo di Avezzano dell'Associazione Alpini e Cosegretario di Assoarma  geom. Ugo Patierno, le Associazioni d'Arma di Avezzano e frazioni (con una limitatissima presenza degli associati), il Comandante della Compagnia Carabinieri Capitano Luigi Strianese, il dirigente del locale Commissariato di Polizia Vicequestore dott. Giancarlo Ippoliti, il Comandante della Polizia Locale Maggiore avv. Luca Montanari con alcuni Agenti, il Gonfalone municipale, la rappresentanza dei Vigili del Fuoco e della Compagnia della Guardia di Finanza e del Commissariato di Polizia, il presidente del Consiglio Comunale  Avv. Fabrizio Ridolfi, Maurizio Seritti (MOVC), alcuni consiglieri comunali ed altre autorità civili e una rappresentanza della Protezione Civile.
Il corteo si è mosso dalla strada provinciale al Monumento alle Vittime del terremoto.  Ha avuto luogo poi la deposizione della corona di alloro con le note del Silenzio fuori ordinanza, ad opera del Vicesindaco, accompagnato dal presidente di Assoarma e dal Vicario del Prefetto. A seguire don Francesco Tudini ha impartito la benedizione.
La cerimonia si è conclusa con gli interventi:

- del presidente della Sezione UNUCI e di Assoarma 1° Capitano Floriano Maddalena che, dopo aver ringraziato il Vicesindaco e le autorità presenti, ha ricordato le vittime del devastante terremoto e quei giovani che, scampati alla morte del sisma, chiamati alle armi per partecipare al primo conflitto mondiale, morirono sui campi di battaglia;
-  di don Francesco Tudini che ha ricordato quella tragedia sottolineando la “fragilità dell’uomo che deve aiutarci a vivere con umiltà, a stare nella realtà, apprezzando ogni momento e ad allontanare l’orgoglio”.;
- del Viceprefetto della provincia di L'Aquila dott.ssa Franca FERRARO, che, commemorando la tragedia del 1915 che colpì Avezzano e la Marsica intera, ha mostrato così la propria commozione nel ricordo dell'analoga tragedia provata dalla città di L'Aquila nel 2009: “So cosa significa addormentarsi la sera avendo progetti per il giorno dopo e svegliarsi con la devastazione di un sisma”.
- del Vicesindaco dott. Domenico Di Berardino che, nel corso del suo discorso ha parlato della cerimonia fortemente condizionata dalla pandemia, ma importante per ricordare quel dramma. Ha  invitato tutti, pur a distanza, "a portare l’attenzione a quei momenti terribili non solo come doveroso segno di rispetto per chi è rimasto sotto le macerie ma anche di riconoscenza per i soccorritori e tutti coloro che hanno saputo reagire ad un crudele destino con coraggio e forza d’animo encomiabili, ponendo le basi per la ricostruzione della nostra città”.

  
Paterno dei Marsi:
Nel pomeriggio, a Paterno Vecchio, si è svolta un'analoga cerimonia presso il monumento per le vittime del terremoto del 1915. Erano presenti: il parroco, il vicesindaco Ten. Domenico Di Berardino (socio Unuci), il Gruppo Alpini ed altre autoità locali. Dopo la benedizione della corona di alloro da parte del Parroco, parole di circostanza sono state espresse dal Tenente  prof. Mario Di Berardino (presidente della Commissione Cultura della Sezione UNUCI di Avezzano) e dal vicesindaco Tenente dott. Domenico Di Berardino.
  

 Martedì 17 febbraio 2022:   Assemblea Nazionale UNUCI:

Il Presidente Nazionale dell'UNUCI Generale C.A. Pietro SOLAINI ha convocato tutti i Delegati Regionali, il Vicepresidente Naz. UNUCI Generale C.A. Nicola LIPPI, e alcuni presidenti di Sezione.
Presenti in sede anche i dirigenti e i funzionari: Donatella Mandis e Fabio Rosati.

L'assemblea, ovviamente, nel rispetto delle disposizioni  anticovid, si é  svolta "a distanza". L'argomento  all'odg: "Bilancio delle Delegazioni regionali e delle Sezioni". Il Presidente Nazionale ha invitato alcune Sezioni a contenere  le spese nel rispetto delle disposizioni finanziarie. Nell'evidenziare alcune Sezioni "virtuose" ha citato la  Sezione UNUCI di Avezzano.

Il presidente di UNUCI Avezzano 1° Capitano Floriano Maddalena ha ringraziato il Generale C.A.  Pietro Solaini per le sue buone considerazioni, apportando poi dei suggerimenti ai colleghi  delle Sezioni UNUCI, frutto della propria esperienza maturata al servizio di UNUCI Avezzano dalla costituzione che risale al 1978 (Nucleo per i primi cinque anni e Sezione dal 1983) fino ad  oggi. "È importante avvalersi della collaborazione dei consiglieri e degli associati portando suggerimenti e iniziative alle pubbliche istituzioni ed entrando  nelle scuole". "Nell'amministrare le rispettive Sezioni UNUCI, contenendo le spese come stabilito dalle disposizioni della Presidenza Nazionale, si possono mettere in atto attività culturali e varie, coinvolgendo le Amministrazioni Comunali e le Scuole del comprensorio di appartenenza. La Sezione UNUCI di Avezzano organizza nella città e in alcuni Comuni del comprensorio marsicano le manifestazioni pubbliche (25 aprile, 2 giugno, 4 novembre e 13 gennaio nella ricorrenza del sisma che colpì la Marsica nel 1915). Promuove inoltre  conferenze nella sala consiliare della città di Avezzano e di altri Comuni, nelle sale pubbliche e nelle Scuole. Nell'arco degli anni ha la Sezione UNUCI ha pubblicato anche dei libri, divulgando anche i libri pubblicati dagli associati al Sodalizio".

 

Domenica 6 marzo 2022:  Cerimonia cittadina in favore della PACE in Ucraina.  

Su invito del Vicesindaco della città di Avezzano Ten. dott. Domenico DI BERARDINO, essendo garantita la apoliticità della manifestazione nel rispetto degli statuti dell'Unuci e delle Associzioni d'Arma e dell'articolo 11 della nostra Costituzione repubblicana, che recita: "L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali ...", la Sezione UNUCI e le Associazioni d'Arma hanno partecipato alla cerimonia in favore della Pace in Ucraina che ha avuto luogo a Piazza Risorgimento, alla presenza del Vicesindaco, dei Sindaci del comprensorio, del Vescovo mons. Giovanni Massaro, delle autorità cittadine e di molte associazioni di volontariato.  
Tutti gli associati, con il basco, hanno partecipato indossando scrupolosamente la mascherina FFP2.

Ecco le nostre associazioni che hanno partecipato con i propri labari: UNUCI,  Associazione Arma Aeronautica, Associazione Carabinieri, Associazione Alpini (Gruppi di Avezzano, Antrosano e San Pelino), Associazione Bersaglieri e Associazione Forestali.  Presenti in rappresentanza della Sezione UNUCI:  Tenente Massimiliano DE GASPERIS, Tenente Mario DI BERARDINO, Tenente Andrea DI LERNIA, Tenente Concezio ERAMO, Tenente Gustavo IATOSTI, 1° Capitano Floriano MADDALENA, Capitano Palmerino PANECALDO (alfiere), S. Tenente Robertino PECCE, Tenente Italo TRINCHINI.
 

Marzo 2022: Accoglienza dei bambini ucraini in fuga dalla guerra nella comunità di Cerchio.
Per iniziativa del Sindaco del Comune di Cerchio avv. Gianfranco Tedeschi e della intera comunità (Associazioni di volontariato,  Gruppo ALPINI e tutti i residenti).  A sostenere la comunità con l'apporto dell'ausilio sanitario della Protezione Civile si è adoperato il nostro associato 1° Capitano Medico dott. Domenico Barbati (Presidente della Commissione Sanitaria della Sezione UNUCI) al quale il presidente di Sezione ha rivolto il seguente messaggio:   "Grazie Domenico. La tua piena disponibilità che hai sempre concessa nell'ambito della Protezione Civile ti fa onore. Fa onore anche all'UNUCI. Grazie perché in questi giorni si ha bisogno di concretezza. Le parole servono poco. Hai prestato la tua opera e il tuo spirito di iniziativa anche nel terremoto che colpì la città dell'aquila e, in tempi diversi, in altre città della nostra amata Penisola. Grazie, grazie, grazie. Chi vorrà saprà utilizzare l'Iban dell'Associazione Alpini volto a concorrere alla ospitalità dei bambini.  Un abbraccio. Floriano".

Ecco il testo della lettera che il presidente di Sezione ha trasmesso al Sindaco di Cerchio:

Ill.mo  avv.  Gianfranco TEDESCHI
Sindaco del Comune di  CERCHIO
p.c.  Gruppo Alpini CERCHIO
Oggetto: Accoglienza dei bambini ucraini in fuga dalla guerra.

Illustrissimo signor Sindaco,
ho avuto esaurienti informazioni dal 1° Capitano Medico dott. Domenico Barbati (Presidente della Commissione sanitaria della Sezione UNUCI di Avezzano) circa l'eccezionale e la lodevole operosità della comunità della cittadina di Cerchio nell'aiuto fraterno a quei bambini salvati dalla ferocia del conflitto che interessa l'Ucraina e il suo popolo. 
Sono  i bambini che hanno perso i propri familiari. Pochi quelli che sono entrati nei nostri confini accompagnati dai genitori.
Ebbene desta commozione e ammirazione l'abnegazione che la popolazione del Suo Comune, attraverso le associazioni di volontariato, accoglie quei bambini (spesso con lo sguardo smarrito).
Un plauso e un simbolico abbraccio va agli ALPINI del Suo Comune, ai Suoi Alpini, ai nostri ALPINI che, con lo spirito di fratellanza e di abnegazione che scorre nel sangue delle loro vene, hanno fatto sì che dei locali venissero resi utili all'accoglienza occupandosi altresì dell'ottimo servizio mensa.
Giungano le nostre espressioni di elogio a Lei, avvocato, per la Sua sensibilità e il Suo amore verso il prossimo.
Un abbraccio a tutti e una carezza a quei bambini, doni del Cielo.
IL PRESIDENTE
1° Capitano Floriano Maddalena

 

Giovedì 17 marzo 2022:  Rilascio di un attestato di benemerenza al Ten. Gustavo IATOSTI     
Nell'Ufficio UNUCI  (presenti: Generale Div. Vero Fazio, Generale Br. Loreto Giandomenico, Ten. Colonnello Mario Salone, Ten. Gustavo Iatosti, Ten. Italo Trinchini e 1° Capitano Floriano Maddalena) il presidente, attraverso una breve ma commovente cerimonia, ha consegnato al segretario di Sezione Tenente Ftr Gustavo IATOSTI un attestato di benemerenza, leggendone il testo: "Attestato di Benemerenza rilasciato al Segretario di Sezione Tenente Ftr Gustavo IATOSTI, in occasione del compimento del suo 90° compleanno.  La Sezione UNUCI di Avezzano esprime i sentimenti di stima e di riconoscenza nei riguardi del Tenente Gustavo Iatosti che, nei 44 anni di vita del sodalizio, ha dato la sua ottima, costante, qualificata e disinteressata collaborazione, mai da protagonista, ma nell'assoluto silenzio.  Grazie Gustavo. IL PTRESIDENTE - 1° Capitano Floriano Maddalena  -  Avezzano 16/03/2022"

Tutti hanno applaudito l'amico Gustavo

 

 

Marzo 2022: Sezione UNUCI di Pescara: 15^ Gara di Tiro Interregionale di tiro con la pistola.

Siamo lieti di comunicare che il nostro associato Magg. Sergio D'ANGELO si é classificato al terzo posto nella gara interregionale di tiro con la pistola organizzata da UNUCI/Pescara.

 

 

Ecco i libri più recenti pubblicati dal Magg. prof. Enrico MADDALENA

Alcuni saranno presentati dalla prossima Rivista "UNUCI"

Pubblicato anche in Germania, Russia ed Estonia

 

Domenica 20 marzo 2022: È venuto a mancare, all'età di 91 anni, il carissimo Pietro DI STEFANO, socio UNUCI.
Fu un funzionario esemplare dell' A.R.S.S.A.   Associato all'UNUCI dal 1996. Frequentatore assiduo delle diverse attività della nostra Sezione e nelle numerose gite socio-culturali in tutte le latitudini del nostro Stivale. Persona buona, di una nutrita cultura umanistica, un vero signore.  Sono addolorato, siamo addolorati, per la scomparsa del nostro carissimo amico Pietro.  Associato all'UNUCI dal 1996. Ascoltarlo era piacevole anche per la sua particolare cultura umanistica. Abbiamo perso una cara e brava persona, un signore, che  nei nostri ricordi non tramonterà mai. Da lui si ascoltavano soltanto parole buone.


 

 

 

Lunedì 25 aprile 2022:  Cerimonia commemorativa del 77° anniversario  della Liberazione. 

Avezzano

La cerimonia quest’anno, per la flessione della pandemia del Coronavirus19, è tornata ad esplicarsi nella sua completezza.

La funzione del cerimoniere è stata affidata da Assorma al giornalista Cav.Uff. Eliseo Palmieri (Addetto Stampa della sezione UNUCI).

  Hanno partecipato il Vicesindaco Ten. dott. Domenico Di Berardino (socio UNUCI Tenente Tramat), il Presidente del Consiglio comunale avv. Fabrizio Ridolfi, assessori e consiglieri comunali, S.E. il Vescovo dei Marsi mons. Giovanni Massaro, il Comandante della Polizia Locale Magg. avv. Luca Montanari (presente il Gonfalone Municipale condotto da due agenti), il Comandante della Compagnia Carabinieri Capitano Luigi Strianese, il Vicecomandante della Compagnia della Guardia di Finanza Ten. Mariano Di Prospero , il Commissario Celestino Antonelli del Commissariato di Pubblica Sicurezza (socio Unuci: Tenente di Artiglieria),  il Vicecomandante della Polizia Penitenziaria  Commissariato Capo Giovanni Luccitti, il presidente del Consiglio Permanente delle Associazioni d'Arma 1° Capitano Floriano Maddalena, una rappresentanza della Sezione UNUCI di Avezzano (il presidente  1° Capitano Floriano Maddalena,  il vicepresidente Ten. Colonnello Mario Salone, il Generale Loreto Giandomenico,  il segretario Ten. Gustavo Iatosti, il presidente della Commissione Cultura Ten. prof. Mario Di Berardino, il Ten. Giuseppe Trinchini, il Tenente Medico dott. Gabriele Carpineti, il S.Ten. prof. Carmelo Rizzone, il 1° Capitano Mario Petricola, il Ten. Andrea Di Lernia, il Ten. Tramat Domenico Di Berardino, il Ten. Art. Celestino Antonelli, l’avvocato Giovanni Fracassi, l'accademista Paolo Togna, il prof. Giuseppe Cipollone, il Ten. prof. Enrico Cianciusi), l'Associazione Arma Aeronautica, l'Associazione Carabinieri, l'Associazione Finanzieri, l'Associazione Paracadutisti, l'Associazione Polizia, l'Associazione Bersaglieri, l'Associazione Forestali,  l'Associazione Alpini (Gruppi di Avezzano,  Antrosano, Paterno e San Pelino).
L'intera cerimonia è stata accompagnata dalla Banda di Castelnuovo di Avezzano.
Tutti i partecipanti  si sono incontrati nella strada  intitolata al Generale Antonio Gandin (MOVM) di fronte il Comando della Polizia  Locale.
Si sono avvicinati alla targa stradale il Vicesindaco, il Presidente Assoarma, il Vescovo, il Presidente  del Consiglio comunale e il Comandante della Polizia Locale.  Il 1° Capitano Floriano Maddalena ha reso gli onori al Generale Antonio Gandin e ai Martiri di Cefalonia, accompagnato dalle note del Silenzio. 
    Tutti, percorrendo Via Don Minzoni, hanno raggiunto Piazza della Resistenza, adiacente la Chiesa della Madonna del Passo.

La cerimonia, quindi, si è svolta così:

Tutti i partecipanti  si sono recati nell'area verde antistante il Monumento all'Alpino. I labari delle associazioni presenti si sono disposti vicino al Monumento. Si è proceduto all'Alza Bandiera accompagnata dal "Canto degli Italiani" e alla deposizione della corona di alloro condotta dagli Agenti della Polizia Locale accompagnata dalle note della “Leggenda del Piave”. Il trombettista ha suonato il Silenzio e, quindi  il Vescovo ha impartito la benedizione.

Tutti si sono spostati nell'area dove esiste il "Monumento ai Popoli Liberi".

Due Agenti della Polizia Locale hanno condotto la corona di alloro al Monumento, accompagnata dalle note della “Leggenda del Piave”. Hanno raggiunto quindi il Monumento il Vicesindaco, il Vescovo,  il parroco don Vincenzo De Mario, il presidente di Assoarma e UNUCI e il Comandante della Polizia Locale, accompagnati dalle note della “Leggenda del Piave”.
Successivamente al cospetto del Monumento il trombettista ha suonato le note dell' Inno di Mameli.  
Terminate le fasi della cerimonia, al cospetto del Monumento, hanno preso la parola:

È terminata così la solenne cerimonia.

Il 1° Capitano Floriano Maddalena si è  così espresso:

Rivolgo, innanzitutto, i ringraziamenti da parte mia e degli associati all’UNUCI e alle Associazioni d’Arma, al signor Vicesindaco, al presidente del Consiglio Comunale, ai funzionari della segreteria e del Gabinetto del Sindaco, a tutti i dipendenti del Comune, al Comando della Polizia Locale e alla Banda musicale, per la meticolosa organizzazione della manifestazione di quest’oggi.  

Un cordiale ringraziamento va al Vescovo dei Marsi S.E. Mons. Giovanni MASSARO, ai Comandanti delle Forze Armate, ai comandanti della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Locale, della Polizia Penitenziaria e dei Vigili del Fuoco, alle autorità civili, alle associazioni di volontariato e a tutti i cittadini presenti.
      Dove si eleva il Tricolore, dove ci si avvicina ad un Monumento,  dove si depone una corona di alloro per onorare i Caduti, lì trovano la loro giusta collocazione: le Associazioni d’Arma e l’UNUCI.

Sì, perché noi associati d’Arma e riservisti siamo i depositari e i difensori dei valori della Madre Italia.

Oggi siamo riuniti per commemorare i Caduti nella Guerra di Liberazione.

 Il nostro pensiero, quindi, va in particolare al nostro concittadino  eroe  Generale Antonio Gandin (MOVM), comandante della gloriosa Divisione “ACQUI”, che capitolò in Cefalonia, e ai numerosi Caduti e ai superstiti di Cefalonia.  Il Generale Gandin, convinto di perdere la battaglia per la disparità numerica, tra i suoi valorosi combattenti e le forze tedesche, mise in atto, l’unica volta nella Storia, un referendum esteso a tutti i suoi militari: Ufficiali, Sottufficiali e militari di truppa sul da farsi: “Arrendersi o continuare a combattere per mettere in atto il giuramento di tutti di fedeltà alla Patria”.   Sì, prese questa iniziativa, successivamente da alcuni criticata, pensando a tutti quei militari che con il decesso avrebbero lasciato le Mamme, i Papà, i figli,  fratelli e sorelle, le proprie amorose.   La quasi totalità di quei militari risposero “NO” alla resa, fedeli al giuramento prestato.   Il pensiero va anche alle nostre Forze Armate, alle Forze Alleate e ai Partigiani tutti che vollero l’ITALIA libera e repubblicana. 
Se trasliamo il nostro pensiero dai fatti di 77 anni ad oggi possiamo asserire che le nostre Forze Armate hanno sempre partecipato agli interventi volti alla Liberazione oltre le nostre frontiere.  Il nostro, é l’auspicio che un giorno tutti i popoli siano indipendenti, autonomi e liberi. È l’auspicio che ci insegna questo Monumento intitolato appunto “Ai Popoli Liberi”. 

Concludo auspicando che la guerra in atto tra Russia e Ucraina, anche con i messaggi accorati e con la preghiera del nostro amato PAPA FRANCESCO, termini quanto prima.

PACE, PACE, PACE 

Viva l’Italia    


(Onori al Generale Antonio Gandini - MOVM)


(La cerimonia in Piazza della Resistenza)

(Deposizione corona al Monumento all’Alpino)


(Deposizione corona al Monumento all’Alpino)


(Le autorità -  fronte Monumento alla “Libertà di tutti i Popoli”)

 


(Onori ai Caduti nella guerra di liberazione)


(Intervento del Vicesindaco)

 

Cerchio


(Conclusione della cerimonia)

Presenti nella cerimonia che si è svolta nel Comune di Cerchio,
oltre al Sindaco e alle autorità locali, i nostri associati:
Magg. Sergio D’ANGELO e 1° Capitano Giovanni TUCCERI

 

Pescina


(Conclusione della cerimonia)

Presenti nella cerimonia che si è svolta nella città di Pescina, oltre al Sindaco e alle autorità locali, i nostri associati: Ten. Paolo Lanciani,
Cap. Palmerino Panecaldo, 1° Cap. Gregorio Toccarelli,
1° Capitano Vincenzo Taglieri Slocchi, Ten. Concenzio Eramo.